Creativaconcc, copywriter freelance "pratica"

Il blog "creativaconcc" - selezione di notizie, idee e opportunità nel campo della scrittura - è un'iniziativa di Simona Cremonini, copywriter/editor/addetta stampa libera professionista.
Come creativaconcc (ovvero "creativa con conto corrente") sono costantemente disponibile per nuove collaborazioni con agenzie di comunicazione, case editrici, redazioni giornalistiche, enti, aziende, autori e professionisti nei campi della scrittura pubblicitaria, redazione testi, ufficio stampa, editing, correzione bozze, oppure per l'organizzazione di eventi letterari (festival, corsi, presentazioni).

Per preventivi potete visitare il sito personale oppure scrivermi a creativaconcc@simonacremonini.it


martedì 22 dicembre 2009

[Risorsa] Farsi pagare da freelance








Avevo già avuto modo di consigliare un bel libro di Dario Banfi dal titolo “Liberi professionisti digitali” qui:
http://creativaconcc.blogspot.com/2008/07/risorsa-libro-liberi-professionisti.html

Mi sono ora imbattuta in un suo documento assolutamente da leggere:
“Come farsi pagare. Modelli di costruzione del prezzo e cultura d’impresa nella relazione con il consulente” di Dario Banfi
http://www.actainrete.org/index.php?option=com_docman&task=doc_download&gid=135&Itemid=24

domenica 20 dicembre 2009

[Risorsa] La ricostruzione giornalistica deve essere completa











(dalla newsletter di Franco Abruzzo)

LA RICOSTRUZIONE
GIORNALISTICA DI
UN'INDAGINE GIUDIZIARIA
DEVE RISPETTARE
IL REQUISITO
DELLA COMPLETEZZA.
Notizie monche possono
assumere valenza diffamatoria.
Condannato Bruno Vespa.
(in http://www.legge-e-giustizia.it)

Al giornalista non è consentito, neppure in chiave retrospettiva, riferire di ipotesi investigative o di meri sospetti degli inquirenti (veri o presunti che siano) senza precisare, al tempo stesso, che quelle ipotesi o sospetti sono rimasti privi di riscontro; le ipotesi degli investigatori che non abbiano trovato conforto nelle indagini sono il nulla assoluto, cui deve essere inibita ogni rilevanza esterna in quanto la loro divulgazione, monca del relativo esito, è capace di nuocere alla reputazione ed all'onorabilità delle persone che siano state (ingiustamente) sospettate.

http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=4849

lunedì 26 ottobre 2009

[Idee opportune] In aumento i blogger professionisti

Gestire pagine competenti su temi specifici rappresenta la migliore palestra per i reporter in erba. Ma anche il naturale approdo per i tanti giornalisti che devono reinventarsi una nuova vita dopo esser stati licenziati.
http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/09_ottobre_23/blogger-professinisti-aumento_c77d6e9e-bfd1-11de-856b-00144f02aabc.shtml

giovedì 17 settembre 2009

sabato 12 settembre 2009

10 + 1 Un decalogo su come si diventa scrittori

Tratto dal Corriere della Sera del 1 settembre
(già che lo leggo per questioni di lavoro, ottimizzo l’acquisto!)


venerdì 17 luglio 2009

[La posta di creativaconcc] Richiesta di preventivo













Oggi non mi è arrivata nessuna email dai miei lettori, ma ho un quesito io da proporre a chi passa di qui: mettiamo il caso che un altro redattore freelance vi chiedesse un preventivo per fare dei testi per il sito di un’azienda, come vi comportereste? Naturalmente questo è il caso in cui cercando su internet avete trovato il suo nome, e nel suo contatto non fa cenno di essere un “collega” o aspirante tale.

Che fareste?

martedì 23 giugno 2009

[Idee opportune] Corso gratuito a Labcom “Attivare un ufficio stampa... spettacolare!”


















Il comunicato stampa parla da solo…


Il successo di un evento passa anche dalla sua promozione presso gli organi di stampa.
Labcom di Mantova a partire dal 6 luglio propone un laboratorio dal titolo “Attivare un ufficio stampa... spettacolare!” allo scopo di trasmettere ai giovani partecipanti (dai 16 ai 30 anni) comprensione, organizzazione e funzionamento dell’ufficio stampa messo al servizio dell’evento.
I partecipanti saranno in seguito chiamati a mettere in pratica le competenze acquisite per formare l’ufficio stampa del “Festival Eterotopie, altri luoghi”, che si terrà a Palazzo Te di Mantova dal 2 al 5 settembre 2009.
Gli incontri del corso, gratuito, organizzato a cura di Associazione Diabolus in Musica e “Festival Eterotopie, altri luoghi”, si terranno presso Labcom, via Sant’Agnese 10 a Mantova, il 6 luglio ore 18/20, 8 luglio ore 18/20, 14 luglio ore 20/21.30, 16 luglio ore 20/21.30, 18 agosto ore 18/19.30, 21 agosto ore 18/19.30.
Docente sarà Simona Cremonini, professionista in pubbliche relazioni di Curtatone.
Per info e iscrizioni rivolgersi a Labcom, segreteria@labcomgiovani.it, tel. 0376.355858.

lunedì 22 giugno 2009

[Idee opportune] S.I.A.E.: allo studio un accordo innovativo per il web









"Ogni persona ha il diritto di venire remunerata per il lavoro compiuto. Questo diritto vale anche per gli autori delle opere dell'ingegno nel momento in cui vengono utilizzate anche su Internet. Il diritto d’autore non è una tassa, ma la remunerazione del lavoro dell'autore e la tutela di tale diritto spetta alla Siae che sta lavorando per consentire lo scaricamento legale delle opere dal web".
http://www.dirittodautore.it/page.asp?mode=News&idnews=4775

venerdì 19 giugno 2009

[Risorsa] Decisione del Cnog. Corsi con "mini esame" anche per diventare pubblicista.












Roma, 18 giugno 2009. Svolta storica per l'iscrizione all'elenco pubblicisti dell'Ordine dei giornalisti. I candidati, oltre a dimostrare i soliti due anni di pubblicato retribuito, per essere iscritti dovranno aver seguito dei corsi ad hoc e sostenere un colloquio con caratteristiche da "mini-esame" orale:
http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=3979

[Risorsa] Il business delle RP è in via di estinzione











Se volete seguire le orme della creativaconcc, forse è il caso di ripensarci... il business delle RP è in via di estinzione:
http://www.ferpi.it/ferpi/novita/notizie_rp/management/il-business-delle-rp-in-via-di-estinzione/notizia_rp/39740/8

sabato 6 giugno 2009

10 + 1 Produttività personale e niente perdite di tempo














Uno dei problemi dei freelance è legato alla gestione del tempo e alla produttività personale, e da questo punto di vista Internet è una delle distrazioni più forti!

Questo 10+1 è dedicato appunto ai consigli per evitare di "perdere tempo".

1) e-mail, skype, instant message, chat, facebook: aumentano le interruzioni, meglio spegnerli se si sta facendo un lavoro o si hanno tante cose urgenti da fare; chi ha veramente urgenza di parlarci o di comunicare con noi può telefonare (e pagare) oppure scrivere un’e-mail, se non è questione di vita o di morte

2) evitare riunioni perditempo e incontri fuori città quando si può lavorare dalla propria postazione o fare la riunione con mezzi tecnologici (skype per esempio)

3) al telefono, quando si riceve una chiamata, comunicare un “senso di urgenza”, che consente di abbreviare la lunghezza delle telefonate. E andare subito al sodo.

4) evitare di verificare troppo spesso le e-mail

5) tenere sempre presenti le priorità della propria giornata; rimandare tutto quello che si può se si deve finire un lavoro

6) avere un chiaro schema delle scadenze e delle consegne e dare sempre una priorità ai singoli lavori, ma farli sempre “al più presto” (a volte un lavoro non urgente fatto subito è un modo per non cazzeggiare)

7) evitare di verificare pagamenti, statistiche, guadagni Adsense, spesa di Adwords, visite e quant’altro sui propri siti e blog più del necessario, per esempio non più di una volta al giorno (di più per quelli eventualmente gestiti per contro di altre società, ma solo se necessario per occuparsene)

8) scrivere email ai clienti per tutte le cose non urgenti o le comunicazioni quotidiane (cercare al telefono una persona tante volte fa perdere un sacco di tempo)

9) pianificare le giornate, nonché gli appuntamenti anche rispetto agli spostamenti da fare (due clienti nella stessa zona si possono incontrare lo stesso pomeriggio)

10) rispettare l’organizzazione del proprio lavoro (http://creativaconcc.blogspot.com/2007/01/10-1-idee-per-organizzarsi.html)

10 + 1) se si è perso il controllo della situazione, fermarsi e recuperarlo!


Alcuni di questi consigli sono presi da qui:
http://www.venicemarketingreport.com/produttivita-personale/produttivita-personale-come-gestire-il-proprio-tempo/

lunedì 1 giugno 2009

[La posta di creativaconcc] Curare la comunicazione aziendale













Gent.ma Simona,
Tempo fa ti ho mandato un curriculum pensando potesse interessarti per una collaborazione.
Dal momento che ho appena terminato un Master in Marketing e Comunicazione d'Impresa, essendo già iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti e di prossima iscrizione all'Associazione Pubblicitari Italiani, volevo chiederti se esiste un tariffario con cui proporsi a un eventuale imprenditore che chiedesse la mia consulenza per un progetto di comunicazione che dovrebbe partire a giorni.
Come mi devo comportare in tal senso? come valutare il compenso adeguato? si tratta di rifare brochure, sito internet, organizzare il piano comunicazione più adeguato, promuovere un nuovo progetto che ruota attorno a un prodotto dell'azienda... queste le mansioni in sintesi...
Ti ringrazio per l’eventuale risposta

Letizia


Gentile Letizia,

Se ti stai iscrivendo a un'associazione, sicuramente loro possono darti indicazioni molto migliori di quelle che posso darti io. Loro riuniscono le competenze di diverse persone che fanno il mio lavoro e dato che pagherai una quota annuale mi sembra il minimo che ti diano almeno un tariffario.

Di seguito ti mando alcuni link del mio blog, nel quale ho tentato inutilmente di capire quanto dovrebbe guadagnare un copy, senza mai trovare qualcuno che me l'abbia detto...
http://creativaconcc.blogspot.com/2008/10/101-fare-un-preventivo.html
http://creativaconcc.blogspot.com/2008/03/la-posta-di-creativaconcc-prezzi-copy.html
http://creativaconcc.blogspot.com/2008/12/la-posta-di-creativaconcc-listini-copy.html

E se vuoi farti pagare come pubblicista, questo è il tariffario dei professionisti:
http://www.odg.it/site/?q=content/tariffario-2007 (credo non ce ne siano di più recenti)

Secondo me devi stabilire un prezzo all'ora e fare una valutazione di quanto tempo ti serve per fare il lavoro. Potresti - ragionevolmente - chiedere 10 euro netti l'ora o anche 25, dipende...

Devi cercare di capire che responsabilità avrai, ovvero se devi coordinare il progetto (chiamare la web agency, interessarti di chi fa le altre parti del lavoro , come i grafici, ecc.) e quindi perdere UN SACCO di tempo ed energie a non fare il tuo lavoro e a correre dietro ad altre persone (n.b. sbatterti), e gestire anche situazioni al di fuori del tuo controllo e della tua professionalità (cosa che ti sconsiglio, a quel punto fai prima a fare l'account).

Inoltre devi valutare se il progetto è un tot che si ferma lì oppure ci sarà la possibilità che sia un punto di partenza (per poi curare le news sul web per l'azienda, i comunicati stampa, ecc.).

Il preventivo è per me ancora uno dei punti "misteriosi" del mio lavoro: spesso lo faccio anche in base all'incontro con il cliente, alle sensazioni "a pelle" che ho avuto, guardando anche come hanno curato il resto della loro comunicazione, facendomi consegnare le loro brochure, guardando il loro sito. Non conoscendo l'azienda, non sapendo per esempio se è una Spa o una piccola Srl, non posso fare astrazioni e prima di ogni preventivo analizzo sempre l'azienda specifica e il lavoro che dovrò fare, confrontandolo con le esperienze precedenti simili.

Mi rendo conto che non ti ho dato una risposta, ma semplicemente non ce l'ho e non esiste un listino universale per questo lavoro.

Simona Cremonini

domenica 17 maggio 2009

[La posta di creativaconcc] Collaborazione per la comunicazione aziendale











Gentile Simona,

non ci siamo mai conosciute, anche se io visito quotidianamente il tuo blog. Sono una copywriter freelance e vorrei poter approfittare della tua professionalità e competenza per chiederti un parere relativo ad un preventivo che dovrei stilare.

Un mio cliente, una piccola azienda, mi chiede un costo per occuparmi di
- concordare insieme a loro e agli editori la pianificazione annuale sulle testate specializzate
- tenere i rapporti con gli "uffici traffico" per l'invio dei materiali da pubblicare
- tenere i rapporti con le redazioni inviando loro testi e immagini da pubblicare come redazionali nelle varie rubriche
- cercare nuove testate specializzate attinenti al settore con le quali iniziare un rapporto per la pubblicazione di news prodotto ed eventuali pubblicità
- tenere i rapporti con le redazioni e i consulenti tecnici per la stesura e la successiva pubblicazione di ricette da pubblicare
- redigere con anticipo testi su news aziendali (es. partecipazione a fiere, riunioni vendita, etc.) ed inviarle alle testate specializzate

Per loro ho già curato la comunicazione below e above the line. Adesso vorrei chiederti se mi sai dare un'idea di costo per i vari punti elencati (magari iporizzando un forfait mensile, o piuttosto facendo un prezzo per ogni singola voce). Per esempio, quanto dovrei farmi pagare per un pubbliredazionale su una rivista di settore (realizzazione copy e grafica), qual'è il giusto fee per concordare la pianificazione annuale sulle testate specializzate e tenere i rapporti con gli "uffici traffico", quanto posso richiedere per redigere le news da inviare alle testate specializzate?

Spero di sentirti e ti ringrazio davvero per la tua l'attenzione.
Chiara



Ciao Chiara,

Io farei un semplice preventivo come ufficio stampa con un contratto annuale... Se accettano bene, hai il lavoro per un bel po’ e sei tranquilla. Se non accettano, pazienza...
Per un preventivo come quello che devi fare tu io di solito perdo un paio d’ore e so chi è la ditta e a volte anche cosa possono / vogliono spendere.

Il loro budget lo fanno gestire a te? Sai cosa spendono per comprare gli spazi pubblicitari? Quanti redazionali al mese devi fare? 2, 5, 10? Le cose cambiano un bel po’. E poi devi essere in ditta da loro e puoi usare le loro stampanti, telefono, pc oppure fai tutto tu da casa? Quanto spendi in benzina per andare in ditta da loro? (se non è nella tua città). Fai anche la parte grafica oppure solo il copy? Cosa ti costa il grafico che ti impagina o ti crea le immagini se passi il lavoro a qualcun altro?

Io gli farei appunto un preventivo a pacchetto. Fai una stima di quanto tempo pensi di perdere in un mese per loro (tra scrivere e fare pr), delle spese (telefoniche presumo), e di tutto il resto che può riguardare il tuo caso e naturalmente lo consideri all’interno della cifra che gli proponi.

Purtroppo sugli uffici stampa continuativi non ho una grande esperienza, lo faccio solo per una realtà che è molto particolare.
Per il prezzo puoi andare dai 10 ai 30 euro all’ora, oppure optare per un fisso mensile. Potresti chiedere 500 euro come 3000, è un po’ difficile come stima. Io però abbonderei piuttosto che ritrovarmi a fare un lavoro così impegnativo ed essere mal pagata, anche a rischio di perdere l’affare.

Spero di averti aiutato.

Ciao
Simona

venerdì 15 maggio 2009

[Idee opportune] L’editoria tiene










Due buone notizie per dare il via oggi alla XXII edizione della Fiera Internazionale del Libro di Torino: l’editoria libraria tiene. Da qui l’idea in più per “far parlare” editori, biblioteche e ragazzi…
http://www.dirittodautore.it/page.asp?mode=News&idnews=4740

giovedì 14 maggio 2009

[Risorsa] Professione web developer











Un articolo che offre una panoramica a chi desidera intraprendere una carriera in ambiente 2.0: non è riferito alla figura del “web copywriter” ma dà l’idea del fatto che bisogna seguire un percorso e secondo me può essere di ispirazione anche per chi vuole scrivere a tempo pieno:
http://mytech.it/web/2009/05/11/professione-web-developer/

lunedì 11 maggio 2009

[La posta di creativaconcc] Apertura della partita iva per i redattori










Ciao Simona,
ti scrivo perché sto valutando l’idea di aprire la partita iva per diventare redattore a tempo pieno.
Tempo fa mi sono informato e mi dissero che c’erano dei costi fissi da sostenere (sia per l’apertura che per la gestione).
Dato che io ora sto iniziando, e non ho la minima idea di quanto possa fruttare, a livello economico, questa attività, non vorrei caricarmi di spese fisse, che magari potrei non sostenere, dal punto di vista economico.
Allo stesso modo però, voglio mettermi al sicuro dal punto di vista lavorativo.

Dammi le tue opinioni in merito.
Ciao e grazie.
Paolo





Ciao Paolo,

Considera che non sei obbligato ad aprire subito una partita iva, ma puoi lavorare con studi o altro con altre forme di collaborazione: dipendente a tempo pieno o parziale, cocopro, collaborazione occasionale (fino a 5 o 6000 euro l’anno, ora mi sfugge l’importo) oppure contratti a chiamata, eccetera.

La partita iva ti “professionalizza”, ma prima di aprirla dovresti sviluppare il tuo lavoro con queste altre forme di collaborazione almeno per poter incassare, una volta aperta la partita iva, 1600-1700 euro al mese (con partita iva circa il 55-60 per cento della cifra torna allo stato come Irpef, Inps, ecc, mentre con le altre forme di collaborazione i contributi te li pagano i datori di lavoro e il netto quindi è molto più basso).

Il consiglio che ti do io è di iniziare appunto a lavorare, sempre con un contratto scritto, come collaboratore e poi quando avrai creato il tuo giro potrai pensare alla partita iva.
Anche perché i costi ci sono: l’apertura della partita iva (200-300 euro, dipende se te ne occupi direttamente o vai da un commercialista), il commercialista (intorno ai 1000-1200 euro all’anno come minimo), l’ufficio o la sede se ne avrai bisogno (io lavoro da casa o presso studi e aziende con cui collaboro quando ho bisogno di incontrare qualcuno, ma se inizi un’attività dovrai porti il problema su come reperire i clienti e dove eventualmente incontrarli), il telefono (diciamo attorno ai 100 euro al mese se spendi mediamente poco), la connessione internet (30-40 euro al mese più l’installazione o le spese iniziali), ecc.

Non sei sanzionabile se lavori senza partita iva, lo sei se lavori in nero!

Aggiungo un’ultima cosa: puoi anche aprire la partita iva ed essere contemporaneamente dipendente o cocopro, ma le spese dell’apertura e della gestione ce le avresti ugualmente (il commercialista per esempio) e naturalmente facendo altri lavori come dipendente – e quindi con vincoli d’orario e di presenza - non potresti commercialmente gestire la tua attività con libertà, svilupparla e pensare di farla a tempo pieno (se non hai tempo per svilupparla non può crescere!).

Sono tutti aspetti che devi valutare tu, anche rispetto all’investimento iniziale che sei in grado di fare (per esempio prevedendo di non incassare soldi per 3 o 4 mesi), che come “esterna” non posso certo analizzare io.

Ciao
Simona

giovedì 7 maggio 2009

[Risorsa] Nuovo Contratto Collettivo Comunicazione












Rinnovato il contratto collettivo di lavoro del settore comunicazione.

La classificazione viene declinata in esemplificazioni generali e specifiche per i diversi comparti della comunicazione e le esemplificazioni attengono alle professionalità “tipiche”delle aziende della comunicazione come: account, copy writer, art director, media planner, media buiyng, TV producer, art buyer, web designer, web consultant, web content designer, field planner, research executive e molte altre.

Per leggere l’articolo vedere Spot and Web del 6 maggio:
http://www.spotandweb.it/archivio/2009/05/084_09.pdf

lunedì 4 maggio 2009

[Risorsa] Il nuovo contratto dei giornalisti










Daniela Stigliano, Vicesegretario nazionale Fnsi, spiega cosa è cambiato nel nuovo contratto nazionale di lavoro Fnsi-Fieg 2009-2013:
http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=3818

venerdì 17 aprile 2009

[Risorsa] Registrar, maintainer, provider, hosters: stessa cosa?











Registrar, maintainer, provider, hosters: siamo abituati ad utilizzare questi termini indifferentemente senza sapere che si riferiscono a compiti spesso molto diversi tra loro.
Alla pagina linkata si possono trovare le corrette definizioni per capire qualcosa di più:
http://blog.13euro.com/registrar-maintainer-provider-hosters-stessa-cosa/

martedì 7 aprile 2009

[Risorsa] I sommelier











I migliori venditori? I sommelier:
http://www.corriere.it/edicola/economia.jsp?path=TUTTI_GLI_ARTICOLI&doc=TORO


n.b.: ogni tanto leggere un articolo che stimoli il ragionamento commerciale ai creativiconcc non fa male…

lunedì 23 marzo 2009

[Risorsa] Nuove regole per diventare pubblicisti











Per coloro che devono ancora iscriversi all'albo dei pubblicisti, è importante prendere nota dei nuovi aggiornamenti:
- per essere iscritti all'Albo dei Giornalisti, all'elenco Pubblicisti è necessario avere redatto, nei 24 mesi di collaborazione continuativa, regolarmente retribuiti presso testate giornalistiche, 80 articoli di cui 65 a propria firma e 15 siglati.
Per attività continuativa si intende che deve essere stata svolta nei 24 mesi antecedenti alla data di presentazione della domanda.

http://www.infocity.go.it/vedi_articolo.php?id=9425

domenica 15 marzo 2009

mercoledì 11 marzo 2009

[Risorsa] Tutele per i forum on-line











CASSAZIONE:
“I forum on-line
non hanno le stesse
tutele riservate
a garanzia della
libertà di stampa”.

Roma, 10 marzo 2009. La Cassazione avverte i siti on-line nei quali si svolgono i Forum di discussione che per questo nuovo mezzo di espressione del pensiero non valgono le stesse tutele riservate a garanzia della libertà di stampa. Per questa ragione la Suprema Corte (sentenza n. 10535) ha confermato la legittimità del sequestro di alcune pagine web del sito dell’Associazione per i diritti degli utenti e consumatori (Aduc) nel quale erano contenuti messaggi dei partecipanti a un forum di discussione sulla religione cattolica che la magistratura di Catania aveva ritenuto offensivi verso il comune sentimento religioso per il loro contenuti sullo scandalo dei preti pedofili. Senza successo, in Cassazione, il legale dell’Aduc ha sostenuto che ai nuovi mezzi di espressione del pensiero (news letter, blog, forum, news group, mainling list, chat, messaggi istantanei e così via) debbano essere riconosciute le stesse “guarentigie” riservate alle testate giornalistiche. Ma la Suprema Corte non ha condiviso questa tesi e ha replicato che questi nuovi mezzi di espressione del pensiero “non possono essere qualificati come un prodotto editoriale, o come un giornale on-line, o come una testata giornalistica informatica”. I forum on-line - spiega la Cassazione - “sono una semplice area di discussione dove qualsiasi utente o gli utenti registrati sono liberi di esprimere il proprio pensiero ma non per questo il forum resta sottoposto alle regole e agli obblighi cui è soggetta la stampa (come indicare un direttore responsabile per registrare la testata) o può giovarsi delle guarentigie in tema di sequestro che la Costituzione riserva solo alla stampa”. (ANSA)

Tratto da:
http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=3473

sabato 7 marzo 2009

[Idee opportune] Una collaborazione gratuita









Mi sono imbattuta in questi giorni in una richiesta di collaboratori a titolo gratuito da parte di un portale sulla gastronomia e sulla cucina italiana.
Dato che seguo il lavoro del Gastronauta dal 2005 e mi piace davvero molto come portale, mi sento di suggerirlo come possibile “inizio” per tutti coloro che vogliono seguire le mie orme e magari non hanno ancora avuto l’opportunità di costruirsi una rete di collaborazioni e relazioni:
http://www.gastronauta.it/index.php?azione=03_libri&ideventi=18

giovedì 5 marzo 2009

[Risorsa] Web marketing per scrittori










Secondo Coelho la diffusione di testi gratuiti online può contribuire a diffondere l’interesse per un autore o per i suoi libri e invogliare, di conseguenza, ad acquistare la versione cartacea:
http://www.onemarketing.it/18/02/2009/web-marketing-per-scrittori-il-caso-coelho/

sabato 21 febbraio 2009

[Risorsa] Verificare nomi e marchi esistenti










Una piccola “guida” per chi si trova a doversi occupare di naming, brandname, eccetera oppure dover realizzare loghi e registrare il relativo marchio.

Nota Bene: Esistono società specializzate in questo tipo di operazioni e ricerche, anche perché non sempre le ricerche nei database che indicherò qui di seguito sono infallibili; credo che una ricerca come segue possa essere sufficiente per un marchio da realizzare per una piccola-media impresa; se capita di lavorare con una major è consigliabile invece inserire nel preventivo una ricerca specialistica fatta da chi lo fa per mestiere.


Per verificare se un marchio è registrato è consigliabile consultare:

- La Banca dati UIBM - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi http://www.uibm.gov.it/dati/ per i marchi nazionali.
Consiglio la ricerca per “TESTO” ma si possono fare ricerche anche di altro tipo; mi hanno riferito che il database on-line è meno affidabile di quanto si vorrebbe, quindi è consigliabile anche fare una ricerca presso la Camera di Commercio della propria città (ufficio marchi e brevetti).

- La Banca dati dell'Ufficio Europeo UAMI sul sito http://oami.europa.eu
La pagina diretta dove fare la ricerca è questa:
http://oami.europa.eu/CTMOnline/RequestManager/it_SearchBasic?language=it

- Espacenet, la Banca dati dei brevetti italiani, europei ed internazionali sul sito http://www.espacenet.com/
A questa pagina si trovano le pagine dirette dove fare la ricerca:
http://www.espacenet.com/access/index.en.htm
Per l’Italia: http://it.espacenet.com/

- Il sito del WIPO per i Marchi Internazionali (World Intellectual Property Organization) all’indirizzo http://www.wipo.int/
La pagina diretta dove fare la ricerca è questa:
http://www.wipo.int/ipdl/en/search/madrid/search-struct.jsp


Le indicazioni che verranno fuori da queste consultazioni vi diranno solamente se il nome o il segno grafico che volete utilizzare appartengono già a qualcuno, ma poi occorrerà registrarli per proteggerli.
Per la vera e propria registrazione è consigliabile rivolgersi a uno studio legale o a una società specializzata (che poi potrà indirizzarvi).

venerdì 13 febbraio 2009

[Risorsa] Usare Facebook Fan Page per promuovere libri










Facebook si può usare anche per promuovere uno specifico libro o se stessi costruendo una Fan Page:
http://people.lulu.com/blogs/view_post.php?post_id=653219

venerdì 6 febbraio 2009

[Risorsa] Strategie per i contenuti









Occuparsi di contenuti è complicato, fastidioso, fa sprecare tempo. Eppure, il web è tutto nei contenuti. I contenuti sono il web. Meritano il nostro tempo e la nostra attenzione.
http://webdesign.html.it/articoli/leggi/2949/strategie-per-i-contenuti/

mercoledì 4 febbraio 2009

[Risorsa] Creare un’impresa









Dall’idea all’impresa: istruzioni per
mettersi in proprio ed incominciare una nuova attività:
http://www.jobonline.it/news.php?id=4560

lunedì 2 febbraio 2009

[Idee opportune] Fiera Libri nel cuore








Segnalo una piccola mostra mercato libraria dal titolo "Libri nel Cuore", che si terrà il giorno 14 febbraio 2009, a San Donato Milanese, presso la biblioteca comunale di via Martiri di Cefalonia, 51/B.

Parteciperanno dieci editori: Edizioni PerSempre, Edigiò, La Vita Felice, Morellini Editore, Zephyro, Edizioni del Ciliegio, Babalibri, Trenta Editore, Magenes Editoriale.

L'ingresso è gratuito.

L'orario: dalle 10 alle 18.

L'idea di fondo di questa piccola fiera del libro: il libro come regalo, come simbolo del nostro amore profondo, perché solo una profonda intesa, una profonda intimità ci permette di capire i gusti di chi amiamo e ci ama. Un libro non è mai un regalo scontato: è un messaggio di condivisione, è voglia di comunicare.

sabato 31 gennaio 2009

[La posta di creativaconcc] Che cos’è un addetto stampa?








Buongiorno, ho un quesito che non riesco a risolvere: da chi deve essere composto un ufficio stampa per chiamarsi tale?
rigiro la domanda:
un ufficio stampa può essere composto da persone non iscritte all'ordine? o si chiama ufficio stampa in quanto chi lo gestisce ha semplicemente rapporti con la stampa per conto delle aziende che hanno attivato quel servizio?

Grazie del suo cortese riscontro.


L'ufficio stampa, c'è da premettere, nessuna organizzazione privata è obbligata ad averlo: in un'azienda può non esserci mai la necessità di scrivere un comunicato e, nel caso, può occuparsene l'imprenditore o la sua segretaria. Non è obbligatorio che un comunicato stampa sia scritto da un iscritto all'albo.

Al contrario, la legge 150 del 2000 ha fissato le regole per gli uffici stampa della pubblica amministrazione: ogni ente (comune, provincia, agenzia entrate, ecc.) dovrebbe avere un ufficio stampa, oppure avere al suo interno una persona formata e iscritta all'albo che si occupi dei rapporti con la stampa. Ad oggi gli enti stanno iniziando ad avere tutti un addetto stampa oppure a pensare al problema. (sono passati 9 anni: ma siamo in Italia!)

L'ufficio stampa è l'ufficio che segue i rapporti con la stampa, i giornalisti e le testate giornalistiche. Non è obbligatorio essere iscritti all'albo per occuparsene per organizzazioni private. Di fatto, nelle grosse organizzazioni di solito a occuparsene è un giornalista iscritto o aspirante tale che già scrive perché chi conosce come funziona una redazione o come si scrive un articolo è in grado di inviare alla stampa informazioni pronte da usare e non fogli e fogli di discorsi inutili (che poi i giornali non pubblicano).

Chiunque può occuparsene dunque?
Teoricamente sì, ma in pratica occorre conoscere le regole dell'italiano e sapere almeno come si scrive un articolo giornalistico: non so quanti possano dire di padroneggiare entrambe le cose.

Spero di esserti stata utile e semmai scrivimi ancora se hai curiosità.
(se ti servono info locali però ti consiglio di rivolgerti al tuo ordine territoriale).

Ciao
Simona

mercoledì 28 gennaio 2009

[Risorsa] Verbi per i versi degli animali









Ringraziando Melisandra per la segnalazione fatta sul forum LaTelaNera.com, riporto questo link con una tabella che riporta i suoni emessi dagli animali:
http://www.locuta.com/vocian.html

martedì 27 gennaio 2009

[Idee opportune] La Rete dei Redattori Precari









Pubblico quest’email, mi sembra una bella iniziativa...


Buongiorno,

La Rete dei Redattori Precari comunica la nascita del suo sito web, http://www.rerepre.org/.

La Rete dei Redattori Precari è una libera associazione di redattori e altri lavoratori dell'industria editoriale assunti con contratti atipici che si propone di:
- far conoscere il ruolo centrale che redattori precari e affini rivestono all'interno della filiera editoriale;
- denunciare il precariato che dilaga in questo settore e che molto spesso viene sottaciuto in nome di una visione edulcorata e mistificata di tutto ciò che concerne l'universo dei libri e della produzione culturale;
- avanzare rivendicazioni giuridiche ed economiche in un contesto, quello dell'editoria, in cui il mercato del lavoro è totalmente deregolamentato e spesso caratterizzato da situazioni di vera e propria illegalità;
- promuovere iniziative di collaborazione e scambio di esperienze con altri gruppi di lavoratori atipici organizzati al fine di creare e diffondere una coscienza condivisa sulla piaga del precariato.

Vi chiediamo di visitare il sito, far conoscere l'attività della Rete e, se possibile, segnalarne l'esistenza nel vostro spazio web.

Grazie mille per il sostegno che vorrete accordarci,
il gruppo di coordinamento della Rete dei Redattori Precari

domenica 25 gennaio 2009

[Idee opportune] Nasce IT Jobs, risorsa per professionisti










Nasce ICT Jobs, la nuova risorsa che Trovolavoro.it – Corriere della Sera dedica ai professionisti dell’Information and Communication Technology; un nuovo canale, specializzato nell’offerta di lavoro in ambito ICT:
http://www.fullpress.it/articolo.aspx?ID=30404

giovedì 22 gennaio 2009

domenica 18 gennaio 2009

[Risorsa] Quale CMS scegliere per il proprio sito o blog









A proposito di crearsi il proprio sito da soli (http://creativaconcc.blogspot.com/2008/07/101-modi-per-farsi-un-sito-gratis-o.html) segnalo un articolo che a sua volta segnala un rapporto in cui vengono messi a confronto i tre più diffusi CMS, ovvero Drupal, Joomla! e Wordpress:
http://www.onecms.it/15/01/2009/confronto-incrociato-tra-drupal-joomla-e-wordpress/

sabato 17 gennaio 2009

10 + 1 Come diventare un creativo


Come diventare un creativo? Vi sono 10 regole d'oro nel libro di Frèdèric Beigbeder intitolato “Lire 26.900" ora “Euro 13.89″ Edizioni Feltrinelli.
Eccezionalmente, le si può leggere a questo link:
http://weworldweb.blogspot.com/2009/01/come-diventare-un-creativo.html

venerdì 16 gennaio 2009

[Idee opportune] Corso di scrittura creativa gratis








Si svolge a Sesto San Giovanni, qui c’è la locandina:
http://www.fondazioneisec.it/allegati/iniziative/weba4idocraccontano.pdf

[Risorsa] Lettera da un pubblicista a Franco Abruzzo










Lettera dall’altomilanese:
tagliate le tariffe del quotidiano “La Provincia”. Un pezzo pagato anche 2 euro


Caro presidente Abruzzo, sono un giornalista pubblicista iscritto all'ordine della Lombardia.

Collaboro dalla sua fondazione (settembre 2005) col quotidiano locale "La Provincia di Varese". Ho ricevuto in questi giorni una fredda lettera in cui si annunciava "una razionalizzazione delle tariffe". Con una lettera successiva da firmare e rispedire mi si annunciava il nuovo tariffario:

1) fino a 540 battute 2 euro (erano 7)

2) da 541 a 1080 battute 7 euro (erano 12)

3) da 1081 a 2390 battute 13 euro (prima erano 15 euro ma fino a 1590 battute)

4) oltre 2391 battute 21 euro (erano 20 ma oltre le 1591 battute)


Non si menziona nel nuovo tariffario il bonus per gli articoli relativi ai consigli comunali che mi venivano pagati 60 euro. Mi sono informato e mi è stato risposto che il bonus del consiglio comunale è stato semplicemente tagliato del tutto. Ti chiedo: è regolare tutto questo? Il tutto retroattivo all'1 dicembre 2008. La situazione è analoga per altri colleghi. Io ho firmato non sapendo però dell'eliminazione del bonus per i consigli comunali che è poi quello che fa la differenza. Che devo fare? Grazie per l'attenzione, a presto, KK”.

…………..

Deporre la penna nel calamaio è la risposta giusta e dignitosa.

C’è da aggiungere che i giornali normalmente non riconoscono le spese (benzina e telefono) che servono per produrre le notizie. A questo punto si impone una scelta coraggiosa: cambiare lavoro. Se tutti i collaboratori deponessero la penna, i giornali dovrebbero correre ai ripari, pagando chi fa attività giornalistica in maniera decente e dignitosa. (F. Ab).



Ho riportato la lettera (tratta da qui http://www.francoabruzzo.it/document.asp?DID=3192) visto che il tema su creativaconcc viene quotidianamente affrontato.

giovedì 15 gennaio 2009

[Risorsa] Scrivere su altri blog, guadagnando da Adsense










Nessuno ha raccolto la provocazione lanciata su questo blog, tempo fa, relativamente alla possibilità di guadagnare scrivendo su altri blog facendo inserire il proprio codice Adsense (ovvero non essendo retribuiti per gli articoli, ma guadagnando dalla pubblicità).

Oggi però vorrei segnalare un link che secondo me apre una questione importante, cioè: ogni publisher è responsabile per il contenuto del
 sito Web sul quale viene pubblicato il proprio codice dell’annuncio (ovvero anche i redattori ospiti).
È sicuramente un aspetto su cui riflettere quando si fa una scelta di questo tipo; la mia domanda è: ma si rischia di essere bannati definitivamente oppure di dover togliere gli annunci solo da questo sito?

Questo è l’articolo:
http://adsensevincente.com/blog/guadagnare-con-adsense/raddoppiare-i-guadagni-con-adsense/

mercoledì 14 gennaio 2009

[Idee opportune] The Printed Blog, il free press realizzato dai blogger


Negli Stati Uniti sta per essere lanciata una singolare iniziativa editoriale: un giornale gratuito che aggrega i migliori contenuti iperlocali pubblicati online (su blog e social-network) e li stampa su carta. Gli autori saranno retribuiti:
http://mytech.it/web/2009/01/14/printed-blog-il-free-press-realizzato-dai-blogger/

martedì 13 gennaio 2009

[Idee opportune] GlobalPost


In risposta ai tagli nei quotidiani, è nata GlobalPost, una nuova iniziativa editoriale che conta su un network di 65 giornalisti dislocati in 50 paesi del mondo. Notizie gratis online e partnership con le testate “malate”: funzionerà?
http://mytech.it/web/2009/01/13/globalpost-linformazione-internazionale-corre-semp/


N.B.: al momento dall’Italia non c’è nessun corrispondente; ci si può candidare qui: http://www.globalpost.com/jobs

venerdì 9 gennaio 2009

[Idee opportune] Corso per progettare e comunicare gli eventi


Secondo l‘annuncio che segue, con partenza il 19 gennaio e termine il 13 febbraio, a Milano si terrà un “Corso per progettare e comunicare gli eventi” della durata di 160 ore, gratuito:
http://www.infojobs.it/oferta/pOferta.ij?job=BA8C9761-3048-32C3-2EBDA194BB3EED58

domenica 4 gennaio 2009

[Idee opportune] Creativaconcc in saldo


Sono passati tre mesi dall’edizione di “creativaconcc 2”, il libro che raccoglie i consigli di questo blog, e da oggi lo trovate su Lulu a un prezzo leggermente scontato:
- 5,63 euro per il download
- 13,23 euro per la versione stampata (più spese di spedizione).

Questo è il link per acquistarlo:
http://www.lulu.com/content/4195479

Questo invece è il link con le indicazioni su come pagare su Lulu.com:
http://creativaconcc.blogspot.com/2007/10/risorsa-come-pagare-su-lulucom.html