Creativaconcc, copywriter freelance "pratica"

Il blog "creativaconcc" - selezione di notizie, idee e opportunità nel campo della scrittura - è un'iniziativa di Simona Cremonini, copywriter/editor/addetta stampa libera professionista.
Come creativaconcc (ovvero "creativa con conto corrente") sono costantemente disponibile per nuove collaborazioni con agenzie di comunicazione, case editrici, redazioni giornalistiche, enti, aziende, autori e professionisti nei campi della scrittura pubblicitaria, redazione testi, ufficio stampa, editing, correzione bozze, oppure per l'organizzazione di eventi letterari (festival, corsi, presentazioni).

Per preventivi potete visitare il sito personale oppure scrivermi a creativaconcc@simonacremonini.it


lunedì 11 maggio 2009

[La posta di creativaconcc] Apertura della partita iva per i redattori










Ciao Simona,
ti scrivo perché sto valutando l’idea di aprire la partita iva per diventare redattore a tempo pieno.
Tempo fa mi sono informato e mi dissero che c’erano dei costi fissi da sostenere (sia per l’apertura che per la gestione).
Dato che io ora sto iniziando, e non ho la minima idea di quanto possa fruttare, a livello economico, questa attività, non vorrei caricarmi di spese fisse, che magari potrei non sostenere, dal punto di vista economico.
Allo stesso modo però, voglio mettermi al sicuro dal punto di vista lavorativo.

Dammi le tue opinioni in merito.
Ciao e grazie.
Paolo





Ciao Paolo,

Considera che non sei obbligato ad aprire subito una partita iva, ma puoi lavorare con studi o altro con altre forme di collaborazione: dipendente a tempo pieno o parziale, cocopro, collaborazione occasionale (fino a 5 o 6000 euro l’anno, ora mi sfugge l’importo) oppure contratti a chiamata, eccetera.

La partita iva ti “professionalizza”, ma prima di aprirla dovresti sviluppare il tuo lavoro con queste altre forme di collaborazione almeno per poter incassare, una volta aperta la partita iva, 1600-1700 euro al mese (con partita iva circa il 55-60 per cento della cifra torna allo stato come Irpef, Inps, ecc, mentre con le altre forme di collaborazione i contributi te li pagano i datori di lavoro e il netto quindi è molto più basso).

Il consiglio che ti do io è di iniziare appunto a lavorare, sempre con un contratto scritto, come collaboratore e poi quando avrai creato il tuo giro potrai pensare alla partita iva.
Anche perché i costi ci sono: l’apertura della partita iva (200-300 euro, dipende se te ne occupi direttamente o vai da un commercialista), il commercialista (intorno ai 1000-1200 euro all’anno come minimo), l’ufficio o la sede se ne avrai bisogno (io lavoro da casa o presso studi e aziende con cui collaboro quando ho bisogno di incontrare qualcuno, ma se inizi un’attività dovrai porti il problema su come reperire i clienti e dove eventualmente incontrarli), il telefono (diciamo attorno ai 100 euro al mese se spendi mediamente poco), la connessione internet (30-40 euro al mese più l’installazione o le spese iniziali), ecc.

Non sei sanzionabile se lavori senza partita iva, lo sei se lavori in nero!

Aggiungo un’ultima cosa: puoi anche aprire la partita iva ed essere contemporaneamente dipendente o cocopro, ma le spese dell’apertura e della gestione ce le avresti ugualmente (il commercialista per esempio) e naturalmente facendo altri lavori come dipendente – e quindi con vincoli d’orario e di presenza - non potresti commercialmente gestire la tua attività con libertà, svilupparla e pensare di farla a tempo pieno (se non hai tempo per svilupparla non può crescere!).

Sono tutti aspetti che devi valutare tu, anche rispetto all’investimento iniziale che sei in grado di fare (per esempio prevedendo di non incassare soldi per 3 o 4 mesi), che come “esterna” non posso certo analizzare io.

Ciao
Simona

2 commenti:

Valentina ha detto...

Ciao Simona,
concordo quasi su tutto quello che hai detto. Anche io, come il ragazzo che ti ha scritto, vorrei aprire partita iva ma non ho ancora un "giro di affari" sufficientemente sviluppato da poterlo fare. Però mi è stato detto anche che con una partita iva si è più "professionali" e che si trova lavoro più facilmente per una serie di motivi. Certo, non credo nemmeno che la partita iva sia la panacea, la soluzione per trovare nuovi clienti... però magari un fondo di verità c'è. O no? Ti volevo poi fare un'altra domanda che esula un po' da questo discorso. Tu, per trovare nuovi clienti, come fai? Mandi il tuo CV e portfolio alle agenzie?

Cari saluti e grazie!

creativa_con_c/c ha detto...

Sul fatto che ci si presenta in modo più professionale è vero, però non è che rende "più facile" trovare il cliente. Il cliente va cercato comunque, ed è proprio questa la difficoltà, nonché va mantenuto. Spesso i lavori sono occasionali, oppure pagati così così. Io ero arrivata al punto che o mollavo tutto o mi ci buttavo a tempo pieno. Ho avuto anche una buona dose di fortuna aprendo la partita iva (lavori con studi e aziende oneste, clienti che pagano puntualmente...)

http://creativaconcc.blogspot.com/2007/06/10-1-iniziative-per-promuoversi.html
http://creativaconcc.blogspot.com/2007/04/10-1-collaborazioni.html
Questi sono due "schemini" di come mi cerco i lavori. Il mailing devo dire che è stata un'attività impegnativa per molto tempo, ma qualche frutto se si è costanti lo dà.
Io mando lettera di presentazione (corpo della mail) e curriculum. Il portfolio di solito lo mando solo su richiesta, perché il mio contiene delle immagini ed è un po' pesantuccio. (5-6 mega).